lunedì 15 luglio 2013

Gli animali e la politica

Questo smottamento d'anime sulla vicenda definita razzista, in realtà solo offensiva per il genere animale.... Suona nuova?
Vorrei vedere in faccia tutti questi perbenisti offesi e arrabbiati perggio di una donna con la calza smagliata.
Vorrei vederli per chiedergli: perchè mai non vi siete indignati tanto tutte le volte che (anche 20 anni fa) la lega ha definito la Sicilia nei modi peggiori possibili? La gente del sud come parassiti, ladri e approfittatori?
Recentemente qualcuno aveva parlato di felicità in caso di scomparsa di intere regioni a sud di Roma.
Mi date fastidio e mi fate "smagliare le calze".
La ministra saprà come difendersi e se ha accettato un ruolo così antesignano è obbligata a sapere a cosa sarebbe andata incontro.
L'errore è stato (a mio parere) di non dare un ministero a chi fosse riconoscibile per tutti, in un tempo di così profonda crisi economica, psicologica, di idee.
Hanno messo il nostro popolo a pane e acqua e valorizzano (anche giustamente, certo) gli sforzi fatti per integrare, per far vivere, per far campare quei poveri disgraziati che arrivano qui, quei poveri lavoratori di lavori umili e ancora bistrattati dal resto di noi.
Hanno sbagliato i tempi.
Bastava sistemare gli italiani prima e il resto poi.
Nessuno si sarebbe lamentato più di tanto e questa parola, il "razzismo", avrebbe smesso di suonare dentro le mie orecchie.

E' rabbia, non razzismo.

1 commento:

  1. Brava, condivido parola per parola! Serena.

    RispondiElimina

Cosa ne pensi?